Sistemi anti abbandono – sono obbligatori

Sistemi anti abbandono

Dal 7 novembre 2019 scatta l’obbligo di montare sulle auto i sistemi anti abbandono.

I sistemi anti abbandono sono quei dispositivi che segnalano che il bambino è ancora a bordo.

Si tratta di una legge a cui dovrò rapidamente conformarmi anche io ed in questo articolo ci sono tutte le informazioni che ho trovato sull’argomento.

Legge che impone i sistemi anti abbandono

Il regolamento di attuazione dell’articolo 172 del nuovo Codice della Strada è entrato in vigore proprio oggi. Contemporaneamente è diventato operativo anche l’obbligo del dispositivo con le relative sanzioni. Nella serata del 6 novembre, infatti, è arrivata la circolare del ministero dell’Interno che ha reso effettivo l’obbligo dei sistemi anti abbandono.

Il decreto prevede che i dispositivi “dovranno attivarsi automaticamente e dovranno essere dotati di un allarme in grado di avvisare il conducente della presenza del bambino nel veicolo attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all’interno o all’esterno del veicolo (potranno essere dotati anche di un sistema di comunicazione automatico per l’invio di messaggi o chiamate)“. Il decreto ha stabilito anche le caratteristiche tecniche di questi dispositivi “che potranno essere integrati all’origine nel seggiolino, oppure una dotazione di base o un accessorio del veicolo, ricompreso nel fascicolo di omologazione dello stesso oppure un sistema indipendente dal seggiolino e dal veicolo“.

Sistemi integrati o sistemi universali

La normativa prevede che il sistema anti abbandono possa essere “integrato” o “universale”.

Nel primo caso sarà un componente del seggiolino, non potrà perciò essere rimosso o apposto su altri seggiolini.

Nel secondo caso sarà acquistabile separatamente e potrà essere applicato su qualsiasi seggiolino.

Il vantaggio principale del modello universale è che non si deve comprare un nuovo seggiolino e che il dispositivo può essere usato su più seggiolini.

Tuttavia il decreto non stabilisce caratteristiche dimensionali e fisiche del dispositivo.

I produttori di seggiolini  dichiarano che sistemi non testati dalla casa potrebbero pregiudicare la sicurezza dei seggiolini. In poche parole c’è il rischio che la casa di produzione del seggiolino possa contestare la propria eventuale responsabilità perché sul seggiolino era stato apposto un sistema non testato dalla stessa casa. Per questo motivo è consigliabile scegliere il dispositivo della stessa marca del seggiolino.

In generale qualsiasi oggetto che viene inserito o aggiunto a un seggiolino auto andrebbe testato con il seggiolino stesso per verificare che non ne modifichi la sicurezza e protezione.

I sistemi integrati richiedono l’acquisto del nuovo seggiolino e sono al momento disponibili solo su alcuni modelli.

Sono più pratici rispetto a quelli universali, ma potrebbero avere una durata più limitata rispetto al seggiolino stesso.

Il sistema integrato limita la scelta a pochi modelli e la domanda è se sia più opportuno scegliere un seggiolino che offra maggiore sicurezza o quello che abbia il sistema anti abbandono. Io direi la prima.

Alcuni sistemi anti abbandono integrati in commercio

La clip SensorSafe di Cybex

La clip SensorSafe di Cybex è una clip attaccata al sistema di cinturine del passeggino che ti permette di ricevere avvisi essenziali in quelle situazioni che potrebbero portare ad un reale pericolo quali aumenti o diminuzioni drastiche di temperatura nell’abitacolo, la presenza del bambino sul seggiolino per troppe ore o quando il bambino allenta la clip. Si tratta di un sistema separato dal seggiolino che viene apposto sullo stesso. Tutti gli avvisi vengono ricevuti tramite Bluetooth sullo smartphone tramite un’app intuitiva che fornisce anche indicazioni su installazione, video dimostrativi, domande frequenti.  SensorSafe è già montato sui seggiolini Cybex in versione SensorSafe, ma può essere anche acquistato a parte e aggiunto ai seguenti modelli: Sirona Z i-Size, Sirona S i-Size, Sirona M2 i-Size, Cloud Z i-Size, Aton M i-Size.

Guarda il sito qui.

BebèCare di Chicco

Chicco e Samsung hanno sviluppato insieme il primo prototipo di seggiolino auto integrato con il sistema anti-abbandono BebèCare. I modelli in commercio ad oggi già integrati sono Chicco Oasys e Chicco Oasys iSize) e sono collegati all’app BebèCare, scaricabile gratuitamente e disponibile per ora sugli store e device Samsung (da fine anno anche su Apple Store). Non appena il bambino si siede il sistema si attiva e segnala la presenza del bambino a bordo. E’ prevista la creazione di un account per tutta la famiglia in cui saranno indicati i numeri di emergenza che saranno contattati in caso di un pericolo rilevato dal sistema.

Guarda il sito qui.

Sistemi anti abbandono universali in commercio che funzionano anche senza smartphone

Baby Bell

Baby Bell è un sensore del peso posizionato sotto l’imbottitura del seggiolino e di un display acustico e visivo da inserire nell’alloggio dell’accendisigari dell’auto.

Ha tre funzioni: ad auto spenta, il display da verde diventa rosso e lampeggia ed emette un suono per avvisare che il bimbo è ancora nel seggiolino; durante il tragitto, se il piccolo non è seduto correttamente sul seggiolino, emette 3 bip di allarme e il display diventa rosso. E’ un sistema che funziona anche senza smartphone ma volendo se si scarica l’app Baby Bell si possono ricevere i messaggi di allerta sul cellulare. Lo smartphone va collegato alla presa USB del display con il suo stesso cavo di alimentazione. Ad auto spenta, segnalerà la presenza del bimbo. Se entro pochi minuti non viene tolto dal seggiolino, tre numeri di cellulare preimpostati riceveranno un messaggio di allerta con la posizione dell’auto.

Compra il prodotto su Amazon qui.

Remmy

È stato progettato da due papà bolognesi. Anche in questo caso si tratta di un sensore posto sotto al seggiolino auto che rileva il peso del bambino e comunica all’impianto centrale eventuali variazioni di peso. Se la macchina viene spenta ed il sensore rileva ancora il peso del bambino, un segnale sonoro avverte la sua presenza. Sensore e dispositivo sonoro sono alimentati dalla presa dell’accendisigari.

Guarda il sito qui.

Sistemi anti abbandono universali in commercio che funzionano con lo smartphone

Tippy

Tippy è il dispositivo realizzato da Digicom, società di B810 Group. Si tratta di un cuscinetto intelligente (o smart pad) che si posiziona sulla seduta del seggiolino auto. Il dispositivo è connesso via Bluetooth con l’omonima app che avvisa il conducente con una notifica (allarme sonoro sullo smartphone) nel caso si allontana lasciando il bambino nell’auto. Se il conducente non risponde entro un certo tempo alla notifica, invia un sms ai numeri telefonici d’emergenza preimpostati con le coordinate geografiche dell’auto, creando una vera e propria rete di soccorso.

Guarda il sito qui.

Compra il prodotto su Amazon qui. Io l’ho comprato qui.

Sistemi anti abbandono universali in commercio dei produttori di seggiolini che funzionano con lo smartphone

BebèCare Easy-tech di Chicco

Chicco ha pensato anche ad un sistema anti abbandono universale da apporre sui seggiolini Chicco già acquistati. BebèCare Easy-Tech è una chiavetta che si attacca alla cintura del seggiolino o alla cintura di sicurezza  attraverso la clip posta sulla parte posteriore. Il dispositivo anti-abbandono per bambini Chicco BebèCare easy-tech funziona tramite l’app Chicco BebèCare è pertanto necessario uno smartphone dotato di Bluetooth. BebèCare easy-tech prevede due tipologie di allarme: un allarme visivo ed uno acustico qualora lo smartphone si allontanasse dal veicolo . In caso di mancata disattivazione, scatta l’allarme di secondo livello, inviando un messaggio ai numeri di emergenza preimpostati con tutte le informazioni per la geo localizzazione.

BeSafe ha creato il sistema Smart Pad BeSafe che può essere montato su tutti i seggiolini auto dell’azienda. Si tratta di un cuscinetto che rileva il peso del bambino e avvisa il conducente in caso di allontanamento dalla vettura attraverso un allarme sonoro emesso dallo smartphone. In caso di mancata risposta alla notifica, SmartPad invia un sms ai numeri telefonici impostati indicando le coordinate geografiche dell’auto.

Guarda il sito qui.

Bébé Confort e-Safety

Bébé Confort ha creato il sistema e-Safety per i suoi seggiolini. Si tratta di un cuscinetto che rileva la presenza del bambino e avverte il conducente se il bambino è rimasto da solo nell’auto. Il dispositivo dialoga attraverso l’applicazione disponibile gratuitamente per IOS e Android e avverte con una notifica di allarme sonoro quando il conducente si allontana più di 10 metri dall’auto lasciando il bambino nell’abitacolo.

Guarda il sito qui.

Inglesina Ally Pad

Il sistema dell’Inglesina si chiama Ally Pad ed è compatibile con tutti i seggiolini prodotti da Inglesina dalla nascita ai 4 anni circa del bambino (incluse le navicelle omologate auto grazie all’apposito kit Inglesina). Si tratta di un cuscino provvisto di sensori di peso collegati via Bluetooth allo smartphone tramite l’app scaricabile gratuitamente su AppStore e Google Play. In caso di emergenza, lo smartphone del conducente riceve un allarme visivo e sonoro se si allontana dal veicolo, lasciando il bambino nel seggiolino o nella navicella. Se il conducente non disattiva subito l’allarme l’app invia un sms ai contatti di emergenza preimpostati indicando le coordinate geografiche del telefonino al momento della disconnessione.

Guarda il sito qui.

Peg Perego Memo Clip e Memo Pad

Peg Perego ha previsto due tipologie di sistemi anti abbandono: Memo Clip e Memo Pad.

Memo Clip si installa alle cinture di sicurezza del seggiolino e funziona con l’app Memo scaricabile gratuitamente da App Store e Google Play. La clip avvisa il conducente con un allarme sonoro nel caso in cui lo smartphone si allontani dalla vettura senza aver sganciato il bambino dal seggiolino. In caso di mancata risposta, l’app invia un sms ad altri 2 contatti impostati, indicando le coordinate geografiche dell’auto. E’ compatibile con tutti i seggiolini auto Peg Perego.

Memo Pad è un cuscinetto che rileva il peso del bambino e avvisa il conducente, con una notifica sonora sullo smartphone, in caso si allontani dalla vettura senza aver sganciato il bambino dal seggiolino. In caso di mancata risposta, l’app invia un SMS ad altri 2 contatti impostati, indicando le coordinate geografiche dell’auto. E’ compatibile con tutti i seggiolini e navicelle auto Peg Perego.

Guarda il sito con le informazioni su Memo Clip qui.

Foppapedretti Babyguard

Foppapedretti propone il sistema anti abbandono Babyguard, compatibile con tutti i seggiolini auto Foppapedretti. Si tratta di un cuscinetto che rileva la presenza a bordo del bambino.I sensori del sistema sono connessi ad un’app installata sullo smartphone e rilevano la presenza del bambino sul seggiolino auto inviando un segnale di allarme in caso di allontanamento del conducente . L’allarme sonoro invia il messaggio con le coordinate della vettura ai numeri di emergenza, anche se questi non sono collegati con la app.

Guarda il sito qui.

Sanzioni per chi non è dotato di sistema anti abbandono

D’altra parte, ora chi trasporta un bambino di età inferiore a quattro anni con un seggiolino non munito di sistema anti abbandono (integrato nel seggiolino o separato) rischia per il nuovo articolo 172 del Codice della strada:

– da 81 a 326 euro (pagamento entro cinque giorni 56,70 euro);
– la decurtazione di cinque punti patente;
– la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi, se viene colto a commettere la stessa infrazione più di una volta nel giro di due anni.

Si può prevedere che le forze dell’ordine chiuderanno un occhio in questa fase iniziale. Ciò soprattutto perché l’obbligo non era atteso adesso e perché molte cose ancora non sono chiare.

Rimborso per l’acquisto dei sistemi anti abbandono

La bozza di Finanziaria 2020 prevede un rimborso per l’acquisto dei dispositivi anti abbandono.

In particolare, se sarà confermata, sarà riconosciuto un contributo di 30 euro per ciascun dispositivo acquistato fino ad esaurimento delle risorse.

Tale contributo difficilmente basterà per tutti visto che si parla di circa 1,8 milioni di bambini. Quindi è probabile che solo i primi che faranno la richiesta riceveranno il rimborso.

Entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto (dunque presumibilmente entro dicembre) saranno emanate delle istruzioni per il riconoscimento del contributo.

Il contributo sarà davvero in ritardo visto che le famiglie devono equipaggiarsi adesso. Conservare lo scontrino dell’acquisto o la fattura è necessario per provare ad ottenere il rimborso più avanti.

RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT