Babyzen yoyo – Recensione

il-passeggino-ultraleggero-Babyzen-Yoyo

Perché ho comprato il passeggino ultraleggero Babyzen Yoyo? Semplice. Perché sono un’amante dei viaggi (anche oltreoceano) e porto sempre mia figlia con me.

Da questo punto di vista  è un sogno.

Il Babyzen Yoyo è 106 x 44 x 86 cm da aperto e 52 x 44 x 18 cm (piccolissimo!). Pesa sui 6.5 chilogrammi.

Si chiude a libro e si porta immediatamente in spalla come una borsa. Lo riapri con un movimento semplicissimo, con una mano sola. Si comanda con un dito. Insomma un fedele alleato di noi mamme.

La borsa sotto la seduta è abbastanza grande ed ha una capienza di 5 chilogrammi

Avete presente quando siete nella metro di Londra con un bambino e realizzate che bisogna scendere nei meandri della terra, che non hanno ascensori e che dovrete fare chilometri e cambiare quatto linee nel giro di mezz’ora e avete il vostro pupo con voi passegginato?

Quella goccia di sudore sulla fronte che sa di vacanza rovinata Babyzen yoyo te l’asciuga. Una vera manna dal cielo.

Ho percorso Londra in metro in lungo e largo aprendolo e chiudendolo facilmente secondo la necessità.

Ho portato Babyzen yoyo su qualsiasi treno e aereo, riponendolo sempre negli spazi sopra la testa.

Tutte le compagnie aeree, anche quelle estere, alla mia domanda se potevo portare il passeggino a bordo e non consegnarlo al gate, mi chiedevano: hai Babyzen yoyo?Il mio ghigno mentre rispondevo di si non ha prezzo.

E qui la nota dolente: Babyzen yoyo costa! di preciso costa sui 400 euro, euro più euro meno a seconda di dove lo comprate.

E mi riferisco al solo passeggino (quindi per i bambini che possono stare già seduti).

Per la navicella non ho lo stesso entusiasmo perché trattandosi di un ultraleggero non può essere robusta e confortevole come la navicella di un passeggino normale. Quindi in quella fase ho preferito un passeggino molto più grosso, anzi super ingombrante, lo STOKKE.

Inoltre la seduta non si inclina perfettamente di 180 gradi e non è comoda come un passeggino normale, ma credo che sia normale per questo tipo di passeggini. Infine, il parasole è un pò piccolo e d’estate non è sufficiente. Non c’è dotazione di ombrellino per cui dovrete arrangiarvi con un ripiego.

babyzen-passeggino-duo-yoyo-nero-ginger

Quindi, per ricapitolare, i pregi di questo passeggino ultraleggero sono:

  1. estrema compattezza da chiuso;
  2. leggero e facile da aprire e chiudere;
  3. facile da governare;
  4. capienza sufficiente della borsa sotto la seduta;
  5. entra nelle cappelliere in aereo ed è noto a tutte le compagnie aeree, nessuno ti farà storie.

I difetti ,invece, sono:

  1. difficoltà delle ruote su terreni impervi (o anche sanpietrini);
  2. seduta che non si abbatte a 180;
  3. parasole piccolino;
  4. mancanza di ombrellino in dotazione;
  5. prezzo.

I difetti (a parte il prezzo) sono a mio parere comuni a tutti gli ultraleggeri e dipendono dalla necessità di tenere il peso light. Ma alcuni dei pregi di questo ultraleggero sono solo suoi, imbattibile il trattamento in aereo.

A proposito, in questo articolo c’è la mia guida sul come affrontare al meglio un viaggio in aereo con bambini.

Potendo affrontare la spesa, dovrebbe essere acquistato per i viaggi o le passeggiate rapide quando sei sola e non vuoi/puoi gestire passeggini molto ingombranti. Per il resto io uso un passeggino che si chiude sempre a libro ma è abbastanza più grande e pesante. 

A voi piace il passeggino ultraleggero Babyzen yoyo? Per meggiori informazioni date un’occhiata anche al loro sito internet: babyzen.com.

RELATED POSTS

2 Comments

  1. Mary

    23 Agosto 2019

    Alessandra ho trovato molto interessante ed utile il tuo articolo relativo al Travel, viaggiare con bambini, ho tre figli e non si smette mai di imparare. Grazie ed alla prossima……..

LEAVE A COMMENT